Dalla Calabria con Taranproject

Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea Taranproject con Marcello Cirillo, Rolica, Cni

Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea Taranproject con Marcello Cirillo, Rolica, Cni

Che la tarantella e in generale le musiche popolari del sud non siano più (non siano mai state?) una roba da vecchiacci reazionari è da mo’ che si sa. Che sia possibile e anzi auspicabile mescolare brani tradizionali e rock, dialetto antico e scrittura moderna, è altrettanto risaputo. Ma questa è tutta teoria: in pratica non è facile trovare un gruppo come il Taranproject, che riesce a tenere insieme questi elementi, e molti altri, senza sembrare un cocktail artefatto o un puzzle astratto. In più Cavallaro, Papandrea e compagnia vengono dalla Calabria, zona che in materia di musica etnica è storicamente un po’ schiacciata tra l’eterno predominio partenopeo e la recente ondata pugliese. Dopo il successo dell’esordio dell’anno scorso (Hjuri di hjumari) tornano alla carica, con un dvd che ne documenta la potenza in concerto, e con questo Rolica in collaborazione con il cantante Marcello Cirillo. Ritmi ballabili e testi impegnati, tamburelli e batteria, lira calabrese e basso elettrico, rifacimenti e creazioni originali: un mix esplosivo di voci grezze e suoni massici, che vi faranno partire fino a desiderare di non fermarvi più.

(Articolo uscito sul numero di novembre del mensile sportivo Correre)

Annunci

Resto al sud

(l’incipit della mia rubrica, Caravan, su Blow Up del mese di marzo)

cantodiscanto copertina

Cantodiscanto, Tutto il mondo è paese, autoprod./Materiali Sonori

Questa volta viaggeremo da fermi. Staremo completamente immobili, e sarà il mondo a entrare nella nostra stanza. La nostra stanza è l’Italia, questa piccola e sempre più irrilevante provincia del celeste impero, o meglio il sud Italia, che musicalmente è la stessa cosa. (Toglietevi quella faccia, non c’è partita: vogliamo paragonare, che ne so, Gipo Farassino a Roberto De Simone? Le mondine ai tarantati, Van Der Sfroos a Daniele Sepe? O anche, al limite, i Modena City Ramblers al Canzoniere Grecanico Salentino? Eddài).

Però, anche nel viaggiare da fermi ci possono stare varie modalità. Una è contaminare il materiale etnico tradizionale (le melodie, o all’estremo anche solo i testi) con il sound globale e moderno, prendendo per esempio la Tarantella del Gargano e schiaffandoci sotto un bel basso elettrico, o un pattern elettronico. È quello che, più o meno, fa da anni Eugenio e il suo Taranta Power; è quello che in modo diverso viene fatto nel TaranProject di Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea, che è uno dei dischi di cui parliamo questo mese. Un altro modo è partire da materiali etnici tradizionali di altri luoghi, vicini e lontani, e riportarli a casa, cioè paragonarli, meglio accoppiarli con quelli nostrani: è ciò che fa, che ha sempre fatto ma in questo caso con vertici assoluti, il gruppo Cantodiscanto con il secondo disco principale della nostra carovana, che non a caso si chiama Tutto il mondo è paese.

taranproject_hjuri_di_hjumari_cop

TaranProject, Hjuri di hjumari, CNI

Cavallaro allora, e la povera Calabria. Povera perché leggi Calabria e pronunci ‘ndrangheta, nel peggiore degli stereotipi possibili, e quando qualcuno ha provato a dire che la ‘ndrangheta (senza per carità rinnegarne le origini locali) è diventata una organizzazione talmente potente da colonizzare anche il nord Italia, è stato subissato di insulti e mavalà, e non solo in salsa leghista, salvo poi ritrovarci qualche mese dopo i politici di ben due (al momento in cui si scrive) ricche cittadine della civilissima Liguria non in leggero e sporadico contatto con le cosche, ma talmente collegati e compenetrati con esse che l’unica è stata sciogliere i consigli comunali. E povera Calabria anche perché nella stagione di folk revival che oramai dura da quarant’anni, è stata la regione più in ombra: tutto partì da Napoli, tammurriate villanelle e Nccp, più di recente c’è stato il boom della Puglia, prima Gargano e poi Salento, e persino la piccola Lucania ha avuto i suoi momenti di gloria con i Tarantolati di Tricarico e qualche anno fa anche a livello mediatico con il film Basilicata coast to coast. Calabria? N.p. (…continua in edicola)