Le stelle ti prendono a maleparole

sabelliEcco, ci siamo: tutti a chiedersi come andrà nel 2013. Chiediamoci piuttosto: vogliamo davvero saperlo? O non preferiamo farci quattro risate per distrarci? Chiaro, immancabilmente in questo periodo arriva in libreria l’annuale Paolo Fox (titolo a sorpresa: Oroscopo 2013, Cairo publishing, euro 15) e non c’è bisogno di alzare gli occhi alle stelle per predire che finirà primo in classifica. Né mancano altre uscite di previsioni tradizionali (Rizzoli pubblica, stesso titolo, il libro di Mauro Perfetti, definendolo in tutta serietà “l’astrologo dei vip”). Ma non è un caso che negli ultimi tempi, in contemporanea con il crescente successo ottenuto dall’astro-star Rob Brezsny, si sia sempre più diffuso l’oroscopo per intellettuali: quello che strizza l’occhio al pubblico colto, dispensandogli saggezza in pillole stile zen, e contrastandone la punta di scetticismo con una citazione di Archiloco. Un campione del genere è Marco Pesatori, che dall’alto di varie testate (D di Repubblica, Vogue, Radio2) e di numerosi libri (Astrologia per intellettuali, per l’appunto, Astrologia delle donne, e quest’ultimo 2013. La rinascita dopo l’apocalisse, Feltrinelli, euro 14) condisce i suoi viaggi zodiacali con divagazioni letterarie, raffinati consigli musicali, riferimenti all’arte.

Ma l’ultimo grido in fatto di transiti e pianeti è l’oroscopo comico. Come quello di Claudio Sabelli Fioretti, giornalista noto per la sua verve: replicando Stelle bastarde dell’anno scorso, la casa editrice di tanti altri rigorosi libri-inchiesta manda in stampa L’oroscopo bastardo 2013 (Chiarelettere, euro 12). In punta di penna, Sabelli ti prende a maleparole, dimostrandoti come tutto il sistema astrale converga nell’evidenziare quanto sei presuntuoso, codardo, insopportabile; salva solo l’Ariete, guarda caso il suo segno (comportamento questo, direbbe un astrologo, tipicamente da Ariete). I capitoli sono organizzati con il metodo delle Faq, cioè un frizzante botta e risposta; ma dietro quest’altra mossa originale, persiste lo schema classico degli oroscopi: si parla cioè delle tre S, Soldi Salute Sesso. Poi si spiegano le affinità di coppia in senso lato (come va il matrimonio tra un Pesci e un Toro? Che fa un impiegato Leone con un capufficio Gemelli?). Infine, come da copione, una carrellata di personaggi famosi. Ed è qui soprattutto che la freschezza del progetto mostra un po’ la corda: perché se da un lato sono simpatici i tormentoni (Sabelli ce l’ha in particolare con Pierre Dukan, quello della dieta, e Carlo Giovanardi, quello di Giovanardi), d’altro canto certe considerazioni oltrepassano la soglia dell’ovvio. Non è necessario ricorrere agli astri per sentenziare che l’astro di Flavio Tosi è in ascesa, o che lo stellone italico non metterà al riparo i cittadini dalla crisi, e così via: che il movimento di Grillo porterà molti dei suoi in parlamento ma sarà a rischio scissione, che Camusso della Cgil non va d’accordo con Squinzi di Confindustria, che l’euro non avrà vita facile ma è destinato a durare, che Renzi è ambizioso. Mentre altrove il pericolo è la fulminea obsolescenza di certi temi e facce che pure hanno saturato le nostre giornate per un anno: il governo tecnico che non ha fatto le riforme, le orecchie di Giarda, l’insistenza su una certa Fornero…

delucaAltro zodiaco brillante è quello di Alessia De Luca (Oroscopo 2013, Dalai, euro 11,90), presentata come “l’astrologa più amata della rete”. Scrive frizzantina come Fioretti, ma con l’accento “sul punto di vista di lei” (il sito che l’ha resa nota è il portale alfemminile.com): oroscopo pop, sia nei riferimenti culturali che vanno dal gossip hollywoodiano all’aneddotica da musica leggera, sia nella sfilata di vip citati a mo’ di esempio per ogni segno. “Il Cancro è un sonetto di Petrarca, un sogno di Nelson Mandela, la luce del Dalai Lama, il Piccolo Principe di Saint Exupéry, le canzoni di Cristina D’Avena, Last Christmas cantata da George Michael”. Embè? Meglio, molto meglio nelle scenette iniziali di ogni capitolo, gustosi bozzetti narrativi in cui a una ragazza innamorata di un solido e impeccabile Toro un’amica può permettersi di dire “insomma se vuoi un brivido con lui devi leccare una presa di corrente!”. La parte previsionale è ridotta al minimo, e s’intuisce commissionata per l’occasione.

Ma se invece volete sapere veramente come andrà a finire, ecco: “Durante l’anno in questione, i granchi cammineranno di fianco, gli sgabelli monteranno sui banchi, gli spiedi sugli alari e i berretti sui cappelli. A molti ciondoleranno i coglioni per carenza di braghe adatte, le pulci saranno nere in grande parte, il lardo fuggirà i piselli in quaresima. Il ventre andrà davanti, il culo siederà per primo. Non si riuscirà a trovare la ciliegina per la torta dell’epifania. I dadi non vi diranno bene manco se li allisciate e, in ogni caso e molto in generale, di rado la sorte coinciderà con le attese”. È la profezia scritta cinque secoli fa, e valida per l’eternità (Predizione pantagruelina per l’anno perpetuo, Edizioni di passaggio, euro 12) dal famoso astrologo francese, il più infallibile di tutti i futurologi mai esistiti: François Rabelais.

(Versione senza tagli dell’articolo uscito oggi sul Mattino di Napoli)

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...