Songs of freedom, le cover preferite di Nguyên Lê

Nguyên Lê, Songs of freedom, Act

E a proposito di playlist: ecco una bella compilation rock già pronta per essere infilata nel lettore. Ce la suona Nguyên Lê, formidabile chitarrista franco-vietnamita, molto stimato nell’ambiente “di ricerca” perché da anni propone un misto di jazz, suggestioni world e sperimentazioni elettroniche. Qui applica lo stesso metodo, ma al rock: prende i suoi hit preferiti di tutti i tempi e li risuona con piglio deciso. Pochi vezzi intelletualistici: sono davvero tra le canzoni più belle, che hanno lasciato il segno nella storia. E se si escludono l’inizio e la fine a firma Beatles (Eleanor Rigby, Come Together) e due stravolgimenti di Stevie Wonder (I Wish, Pastime Paradise), sono anche tutti di gruppi abbastanza tosti, a testimonianza delle predilezioni hard del chitarrista: omaggiati i Led Zeppelin (Black Dog, Whole Lotta Love), Janis Joplin (Mercedes Benz, Move Over), i pezzi-bandiera di Cream (Sunshine of Your Love), Iron Butterfly (In A Gadda Da Vida), Bob Marley (Redemption Song). Suonate da un power quartet che la presenza del vibrafono non rende etereo e sognante, le cover non sono né irriconoscibili né troppo uguali agli originali. E con il plus di una sarabanda di percussioni, per 70 minuti con le ali ai piedi.

(Articolo uscito sul numero di aprile del mensile sportivo Correre)

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...